Scandalo Weinstein: chi sono le attrici molestate dal produttore

Il produttore Weinstein al centro di uno scandalo: accusato di aver molestato tante donne famose del mondo dello spettacolo.

Il famoso produttore Weinstein si è ritrovato sotto pesanti accuse che lo avrebbero visto come molestatore. Vittime molte attrici di fama internazionale. Sono tanti infatti gli stupri e le molestie attribuiti al produttore e molte attrici americane e italiane hanno deciso di svelare i retroscena di un mondo all’apparenza magico e bellissimo, a cui tante donne aspirano. Weinstein è stato lasciato anche dalla moglie in seguito ad una comunicazione ufficiale in cui si mostrava addolorata per i fatti attribuiti al marito e sottolineando che il suo intento è quello di allontanare i figli dallo scandalo e dal clamore mediatico. L’unica difesa per il produttore è quella di Lidsay Lohan.

Le attrici molestate dal produttore

Tra le donne molestate dal potente Harvey Weinstein vi è l’italiana Asia Argento che ha dichiarato di essere stata stuprata dal produttore a soli 21 anni e di non aver mai potuto raccontare nulla per via dei danni che avrebbe potuto subire la sua carriera. Si trattava di ricatti che l’accusato avrebbe mosso anche ad altre attrici come Gwyneth Paltrow. Fu invitata con l’inganno nella sua suite per poi essere molestata cercando di ottenere un massaggio. L’attrice ha raccontato di aver detto tutto al suo ex fidanzato Brad Pitt che minacciò il produttore. Altre attrici che hanno accusato Weinstein sono state Angelina Jolie, Mora Sorvino, Ashley Judd, Rosanna Arquette e Rose McGowan. Quest’ultima è riuscita ad ottenere anche un risarcimento di 100 mila dollari.

I fatti raccontati dalle donne sono tutti molto simili. Quando avevano dai 20 ai 23 anni il produttore le avrebbe attirate nella sua camera d’albergo con l’inganno chiedendo delle prestazioni sessuali o facendo delle avances molto esplicite. Le attrici si sarebbero ribellate ma avrebbero nascosto tutto per paura che la loro carriera, appena agli albori, fosse bloccata dal potente produttore, che fino ad oggi ha mantenuto fermo la sua posizione come terzo uomo più potente di Hollywood. L’unica voce fuori dal campo è stata quella di Lindsay Lohan che ha dichiarato la sua vicinanza al produttore, accusato, a suo dire, di essere vittima di un brutto complotto. Secondo alcune voci di corridoio, anni fa, precisamente nel 2004, due attori molto famosi, come Matt Demon e Russell Crowe avrebbero aiutato il produttore ad insabbiare le accuse di molestie già avanzate da alcune attrici. Ora è stata aperta un’inchiesta e sulla credibilità del potente Weistein è calata un’ombra. Infatti la sua fama è calata proprio a causa di queste pesanti accuse.

[Foto: www.agi.it]