La dieta di Francesco Totti: i segreti della forma del capitano giallorosso

Qual è il segreto per correre in un campo di calcio per 90 minuti? Senza una dieta adeguata, passione e allenamento non bastano. Lo sa bene Francesco Totti, il calciatore della Roma, che a 38 anni corre in campo come quando ne aveva 28.

La dieta di Francesco Totti prevede che l’orario dei pasti sia ogni giorno lo stesso: colazione, pranzo, merenda e cena non devono tardare nemmeno di un minuto. Sono escluse le bevande alcoliche e i dolci; per quanto riguarda le porzioni, il calciatore romano non deve assumere più di 30 grammi di proteine, che tradotti in cibo sono 120 grammi di petto di pollo o 230 grammi di pesce da accompagnare con i carboidrati (soprattutto pasta).

Per il campione, non sono più sacrifici, e oltre a seguire questo regime alimentare spesso si reca in clinica per migliorare le sue condizioni fisiche. La clinica di Henri Chenot a Merano è molto famosa tra i vip, pare che tra i suoi clienti ci sia anche l’ex pibe de oro Maradona. Per cinque giorni Francesco ha seguito una dieta a base di centrifughe, tisane, acqua e limone. ha depurato l’organismo dalle tossine con massaggi e bagni di fieno.

01

Immagine 1 di 6

01

La dieta di Francesco Totti è stata seguita anche da De Rossi e Tachtsidis. Il medico nutrizionista della Roma, il professore Fabrizio Angelini, ha introdotto gli stessi rigidi criteri già seguiti dal capitano, con risultati eccezionali. Tutta la squadra pranza intorno alle 12.30, mentre la cena non avviene mai più tardi delle ore 20.00, tranne quando ci sono le partite serali. La cena diventa una merenda, e si mangia alle 17.30. La domenica invece si pranza alle 11.30. Con questa dieta Francesco Totti ha perso 5 chili, tanto che in campo vola.

Quello che si mangia è molto importante se sei un professionista di alto livello come Totti. Tutti i sacrifici vengono ripagati con le soddisfazioni e le emozioni provate. E poi Francesco è uno che in campo si diverte, e nemmeno l’avanzare del tempo sembra fermare la sua voglia di giocare.

Anche l’allenatore Luigi Cagni ha introdotto la dieta di Francesco Totti nelle squadre che allena. Sostiene che il corpo è la macchina e l’alimentazione la benzina, con la benzina buona la macchina renderà di più. Ecco perché l’alimentazione equilibrata è fondamentale per diventare dei grandi campioni.