Vincenzo Salemme

Paese: Italia

Altezza: 176 cm

Peso: 78 kg

IMC: 25.18 - Sovrappeso 

Età: 60 anni

Segno: Leone Leone

L’attore e regista Vincenzo Salemme nasce a Bacoli ( NA) il 24 luglio 1957. Conseguita la maturità classica, si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Napoli “Federico II”. In quegli anni comincia ad appassionarsi di teatro e decide di intraprendere la carriera di attore.

Il suo esordio sul palcoscenico avviene nel 1976, quando entra nella compagnia teatrale del regista partenopeo Antonio Russo, più noto con il nome d’arte di “Tato”. Tato Russo lo scrittura per il lavoro teatrale “Ballata e morte di un capitano del popolo”: ma in questa compagnia Vincenzo rimane poco tempo, perché già nel 1977 si sposta a Roma dove entra a far parte della compagnia di Eduardo de Filippo.

Qui lavora inizialmente come comparsa o in piccoli ruoli; ma le commedie, come “Il Cilindro” e “Il sindaco del rione Sanità” appartengono al repertorio più famoso e amato di De Filippo e vengono anche riprese dalla Rai. Vincenzo resta nella compagnia fino alla metà degli anni Ottanta ed esattamente fino alla morte del grande Eduardo (1984). Dopo aver lasciato la compagnia, Vincenzo comincia a lavorare anche al cinema: dopo un primissimo esordio nel 1981 nel film di Nanni Moretti “Sogni d’oro”, l’attore viene nuovamente ingaggiato dal regista per le pellicole “Bianca” (1984) e “La messa è finita” (1985).

Nel 1989 è la volta di “C’è posto per tutti”, seguito da “Morte di un matematico napoletano” (1992) e “Il tuffo”(1993). Il suo debutto come regista avviene nel 1998 con il film “L’amico del cuore”, che riscuote un grandissimo successo diventando uno dei film campione di incassi di quell’anno.

I consensi ottenuti da questo suo primo lavoro lo incoraggiano a proseguire nella carriera di regista: a “L’amico del cuore” seguono quindi “Amore a prima vista” (1999), “A ruota libera” (2000) e “Volesse il cielo” (2002).

Parallelamente, Vincenzo continua a recitare anche in film diretti da altri, come “Olè” di Carlo Vanzina ( 2006), “Baciami piccina” di Roberto Cimpanelli (2006) e “Baarìa” di Giuseppe Tornatore (2009). Nel 2007 dirige “Sms – Sotto mentite spoglie”, riconfermandosi uno dei registi più apprezzati della commedia all’italiana. Nonostante questi brillanti successi sul grande schermo, Vincenzo non dimentica il suo primo amore, il teatro: firma infatti diversi lavori teatrali come “Passerotti o pipistrelli” ( 1993) e “… e fuori nevica” (1995), dove è al tempo stesso regista e attore.

Nel 2010 ha ottenuto uno strepitoso successo la sua commedia teatrale “L’astice al veleno”. Anche i suoi spettacoli su Rai Uno “Famiglia Salemme Show” (2006) e “Da Nord a Sud… e ho detto tutto!” sono stati molto seguiti dal pubblico televisivo.

Nella vita privata, l’attore e regista Vincenzo Salemme è legato sentimentalmente da trent’anni alla sua manager Valeria.

[www.zimbio.com]

Loading...