Peppe Vessicchio

Paese: Italia

Altezza: 182 cm

Peso: 79 kg

IMC: 23.85 - Peso ideale 

Età: 60 anni

Segno: Pesci Pesci

Peppe Vessicchio è un musicista e direttore d’orchestra nato a Napoli il 17 marzo del 1956.

Vessicchio è un personaggio riconosciuto in tutta Italia grazie ai numerosi programmi televisivi di cui è stato protagonista. La sua è una carriera ricca di successi ed è nota soprattutto per le numerose partecipazioni al Festival di Sanremo. Inizia giovanissimo a muovere i primi passi nell’ambito musicale e curando i dischi di artisti come Lina Sastri e Peppino di Capri.

Negli anni Ottanta con Gino Paoli realizza una serie di brani famosi, tra cui Cosa farò da grande, che ottengono un grande successo di critica. Prima di dedicarsi solo alla televisione, Vessicchio lavora anche con Edoardo Bennato, con cui cura gli arrangiamenti musicali di alcune sue belle canzoni.

Nel 1990 partecipa al suo primo Festival di Sanremo. Questa è una tappa fondamentale per la sua carriera perché ha, per la prima volta, l’occasione di mettersi in mostra durante una vetrina importante. Vessicchio sul palco dell’Ariston mostra di possedere un’ottima padronanza nei confronti dei membri dell’orchestra e riesce a convincere il pubblico della sua autorevolezza musicale.

Due anni dopo realizza Club ’92 ed è una presenza fissa nel cast di Buona Domenica. Diventa il direttore d’orchestra in varie edizioni di Viva Napoli e, nel 1997, riceve il premio come miglior arrangiatore al Festival di Sanremo. In seguito Vessicchio decide di prestare la sua esperienza al programma Amici, condotto dalla brava Maria De Filippi.

Negli anni Duemila diventa uno dei simboli del talent show targato Mediaset. Nella fase finale del programma dirige i vari concorrenti in gara ed è lui a scoprire Matteo Macchioni, l’unico tenore ad aver partecipato al programma della De Filippi. Nello stesso periodo compone le musiche di alcuni brani del grande Andrea Boccelli, tra cui la bellissima Sogno.

Peppe Vessicchio è un musicista e direttore d’orchestra che ha avuto un grande successo grazie non solo alla sua rigorosa professionalità, ma anche alla folta barba che l’ha reso un personaggio immediato e riconoscibile dal pubblico.

Nel 2011 riceve il premio di miglior arrangiatore per il brano Chiamami ancora amore, con cui Roberto Vecchioni vince un Sanremo. Tre anni dopo decide di lasciare Amici, programma che gli ha dato la notorietà, suscitando non poche polemiche tra i fan.

Nel 2016 si era diffusa la notizia della sua morte ma, per fortuna, si è rivelata soltanto una bufala. L’anno seguente, nel febbraio del 2017, ha pubblicato La musica fa crescere i pomodori, libro edito da Rizzoli.

Un voto per Peppe Vessicchio? Dieci!

[Fonte foto: repubblica.it]