Jeff Buckley

Paese: Stati Uniti

Altezza: 171 cm

Peso: 69 kg

IMC: 23.6 - Peso ideale 

Età: 30 anni

Segno: Scorpione Scorpione

Ci ha lasciati nel: 1997

Jeff Buckley è stato un cantautore statunitense, nato a Anaheim il 17 novembre del 1966, e morto a Memphis il 9 maggio del 1997.

Figlio d’arte, Buckley è stata una delle stelle più brillanti nella storia della musica folk degli ultimi anni.

Dopo la separazione dei suoi genitori trascorre l’adolescenza insieme alla madre e al patrigno, ma riesce a mantenere dei buoni rapporti con il suo padre biologico.

Nel giugno del 1975 Buckley affronta un grave lutto, la morte del suo genitore adottivo. In quel periodo studia la chitarra e si avvicina alla musica classica grazie all’influenza di sua madre, ma fu il genere rock e autori come i Led Zeppelin e Jimi Hendrix ad appassionarlo inizialmente e a influenzarlo nel suo processo artistico.

Dopo il diploma si trasferisce a Los Angeles e, nel frattempo, inizia a suonare in alcuni complessi jazz locali. Nel 1989 fa da supporto all’artista reggae Shinehead e apre alcuni suoi concerti avvicinandosi e sperimentando anche altri generi musicali, tra cui l’heavy metal.

In poco tempo Buckley inizia a farsi un nome nell’ambiente musicale e, nel 1990, decide di trasferirsi nella città di New York. L’anno seguente tiene un concerto in cui omaggia un artista del blues come Robert Johnson e inizia a pensare alla realizzazione di un proprio album di inediti.

Nel 1994 esce finalmente Grace, il suo primo disco, un mix di pezzi folk e rock con cui si presenta al grande pubblico. In questo suo debutto musicale lancia il singolo omonimo che dà il titolo all’album e, soprattutto, Hallelujah, brano del compianto Leonard Cohen che lui riporta alla ribalta.

Grace diventa in pochi mesi uno dei dischi più importanti degli anni Novanta e Buckley inizia a riscuotere i consensi positivi anche della critica specializzata. Negli anni seguenti inizia un tour per promuovere il suo lavoro e si esibisce con successo in Francia e Germania.

Jeff Buckley è un cantautore di grande personalità, una delle voci più amate della musica folk che è riuscito nei pochi anni della sua carriera a emozionare il suo pubblico.

Nel 1996 inizia a lavorare al suo secondo disco, Sketches for My Sweethearth the drunk (1998), che esce dopo la sua morte. Il decesso di Buckley avviene per annegamento lungo le acque del Wolf River e la scomparsa di un artista così giovane suscita un enorme clamore mediatico.

[Foto: Vogue]