Fernando Torres

Paese: Spagna

Altezza: 186 cm

Peso: 78 kg

IMC: 22.55 - Peso ideale 

Età: 33 anni

Segno: Pesci Pesci

Fernando Josè Torres Sanz, meglio noto come Fernando Torres, è un giocatore di calcio, di ruolo attaccante. Torres, che viene chiamato “El Niño” per i tratti del viso molto delicati, nasce il 20 marzo del 1984 ed è l’ultimo di 3 figli. Sei anni fa convola a nozze con l’unica donna della sua vita, conosciuta quando aveva meno di 10 anni e con cui ora ha 2 figli.

La sua carriera si sviluppa inizialmente nell’Atletico Madrid, squadra di cui è tifoso fin da bambino e dove fa tutta la trafila dalle giovanili. Con l’Atletico gioca 7 anni, chiudendo la sua esperienza con 82 reti in 214 presenze. Tra i record conquistati con la maglia dell’Atletico vi è quello di essere stato il più giovane esordiente nella storia del club, nonchè il suo più giovane capitano, avendo ricevuto la “fascia” a soli 19 anni.

Nel 2007 passa al Liverpool dove comincia a misurarsi anche con il palcoscenico della Champions. Ad Anfield rimane 5 anni e la sua esperienza si chiude con 65 reti in 102 presenze, ma senza nessun trofeo conquistato. Tra i record maturati vi è quello di essere stato il primo calciatore, nel 2008, ad aver messo a segno 3 reti in 2 partite casalinghe di fila dal 1946.

Sempre nello stesso anno riesce a segnare per 8 partite casalinghe di fila, iscrivendo così il suo nome accanto a quello di Roger Hunt, calciatore dei “Reds” negli anni ’60. Il suo è straordinario 2008 a livello personale: segna 33 reti che gli valgono il riconoscimento come miglior giocatore del campionato.

Nel 2008 a livello di club non arrivano grosse soddisfazioni a causa di un infortunio alla coscia, ma segna la rete numero 1000 nella storia dei “Reds” in Premier League. Il 2008 è l’anno della conquista dell’Europeo con la Spagna, che vince la finale con la Germania proprio grazie a un suo goal. Con le “Furie Rosse” ha messo in bacheca anche il Mondiale 2010 e l’Europeo 2012.

Nel 2009 le grandi prestazioni coi Reds gli consentono di entrare tra i 50 migliori giocatori della storia del club. Gli anni successivi sono costellati da infortuni ma segna con regolarità tanto che nel 2011 passa al Chelsea per la cifra “monstre” di 60 milioni di euro, l’esborso più elevato nella storia dei “blues” per un giocatore, fino ad allora. L’avventura con il Chelsea non è positiva: in 3 annate solo 46 goal in 172 partite e la perdita del posto da titolare.

Nello scorso mercato estivo va in prestito per 2 anni al Milan, ma dopo un goal all’esordio in A contro l’Empoli, perde progressivamente la fiducia di Inzaghi, finendo ai margini del progetto. Alla fine, in questo mercato di gennaio il ritorno alla “casa madre”, l’Atletico Madrid. L’esordio è in Coppa del Re, contro il Real e il calciatore Fernando Torres sembra il giocatore di un tempo, segnando la doppietta che qualifica l’Atletico.

[Foto: selirhatii.blogspot.com]

Loading...