Michele Riondino

Paese: Italia

Altezza: 180 cm

Peso: 78 kg

IMC: 24.07 - Peso ideale 

Età: 38 anni

Segno: Pesci Pesci

Michele Riondino è un attore italiano nato a Taranto il 14 marzo del 1979.

Figlio del cantautore David Riondino, Michele ha iniziato ad avvicinarsi all’arte sin da ragazzo, quando insieme a un gruppo di amici ha fondato una band musicale. Studia la chitarra e per un certo periodo si esibisce in vari locali della Puglia, prima di dedicarsi soltanto alla recitazione.

Dopo il diploma nel 2000 si trasferisce nella città di Roma e frequenta l’Accademia di Arte Drammatica Silvio D’Amico. Inizia a recitare in teatro, dove partecipa ad alcuni spettacoli. Nello stesso periodo debutta anche in televisione nella serie Compagni di scuola (2001).

L’anno seguente ottiene una piccola parte in un episodio della quinta stagione di Incantesimo (2002). Con Uomini & Donne, amori & bugie (2003) fa il suo debutto nel cinema: in questo film con protagonista la bellissima Ornella Muti, Michele interpreta il ruolo di un ragazzo romantico di nome Emanuele.

Entra nel cast della serie televisiva Distretto di Polizia e inizia una lunga collaborazione con questa fiction, partecipando a tutte le puntate, fino alla quinta stagione. Nel 2006 ottiene un ruolo nella miniserie La freccia nera, con protagonista il bellissimo Riccardo Scamarcio.

Due anni dopo ritorna a recitare per il cinema e partecipa alle riprese di Il passato è una terra straniera (2008), un thriller diretto da Daniele Vicari: in questo film Michele interpreta Francesco, un giovane giocatore di poker che convince il suo amico Giorgio, interpretato da Elio Germano, a trasferirsi nella città di Barcellona.

Nel 2010 ottiene il premio “Guglielmo Biraghi” ai Nastri D’Argento grazie alla sua interpretazione nel film Dieci inverni: si tratta di un riconoscimento importante per la sua carriera e che gli consente di iniziare un percorso più maturo nel cinema italiano.

Michele Riondino è un attore che ha espresso tutto il suo talento sia nelle opere comiche che in quelle drammatiche, dimostrando una notevole versatilità artistica.

Il più grande successo della sua carriera è senza dubbio Il giovane Montalbano: in questa fiction Michele si è calato perfettamente nel ruolo dell’Ispettore creato dallo scrittore Andrea Camilleri.

Nel 2012 ha recitato nel film Bella addormentata, di Marco Bellocchio e, in teatro, ha debuttato alla regia dirigendo lo spettacolo La vertigine del drago, di Alessandro Morteletti. E’ stato anche il direttore artistico per il concerto del 1° Maggio che si è tenuto nella città di Taranto.

La sua passione per lo sport gli ha consentito di recitare nella miniserie Pietro Mennea – La freccia del sud (2015), dove ha interpretato il ruolo del famoso atleta olimpionico. Nel settembre del 2015 ha debuttato su Rai Uno con la prima puntata della seconda serie del Giovane Montalbano, che sta ottenendo un grande successo.

Un voto per il giovane Michele Riondino? Otto!

[Foto: rendezvousdelamode.com]