Jimi Hendrix

Paese: Stati Uniti

Altezza: 180 cm

Peso: 77 kg

IMC: 23.77 - Peso ideale 

Età: 27 anni

Segno: Sagittario Sagittario

Ci ha lasciati nel: 1970

Citazioni: «La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire, sei vicino al cielo», «Se sono libero è perché sono sempre in fuga»

Jimi Hendrix è stato un cantante e chitarrista americano nato a Seattle, il 27 novembre del 1942, e morto a Londra il 18 settembre del 1970.

Dopo la morte di sua madre Lucille, ad avvicinare il giovane Jimi alla musica è stato suo padre quando, all’età di sedici anni, gli regala la sua prima chitarra. Con il passare del tempo abbandona la scuola senza diplomarsi e si dedica soltanto al perfezionamento della sua tecnica di chitarrista.

Le prime influenze musicali di Hendrix furono i grandi bluesman come B.B. King e John Lee Hooker, ma anche un concerto di The King Elvis che vide nei primi mesi del 1957 e che suscitò in lui la convinzione di voler diventare una star della musica.

Le sue prime esibizioni live Hendrix le realizza con vari gruppi amatoriali e le sue sessioni con la chitarra cominciano ad acquisire sempre maggiori fan. All’inizio degli anni sessanta Hendrix si esibisce in diversi stati americani conducendo una vita errabonda, spostandosi da un posto all’altro.

Nel 1967 insieme alla sua band, i The Jimi Hendrix Experience, esce l’album del debutto: Are You Experienced. Il disco esce negli Stati Uniti e lancia pezzi leggendari come Purple Haze e Hey Joe.

Nel maggio dello stesso anno Hendrix registra un secondo disco, sempre insieme alla sua band, e lancia sul mercato Axis: Bold as Love. Dei tredici brani che compongono questo nuovo lavoro, Hendrix realizza i testi e gli arrangiamenti musicali.

L’anno seguente pubblica forse il suo disco migliore: Electric Ladyland. Brani rock come Voodoo Child e altri più melodici come la ballata Crosstown Traffic consentono all’artista di poter spaziare tra i generi.

Jimi Hendrix è un cantante di colore che in poco tempo ha influenzato la musica rock negli anni sessanta, anche se sono le sue performance con la chitarra a renderlo una leggenda vivente.

Nel 1969 partecipa al Festival di Woodstock suonando l’inno degli Stati Uniti: la sua esibizione, inoltre, diventa icona di un periodo in cui i giovani si dedicarono agli ideali di pace e libertà. Nel 1970 Hendrix inaugura un nuovo gruppo, i Band of Gypsys, con cui lancia un disco omonimo che sarà l’ultimo della sua carriera, per poi trasferirsi in Inghilterra.

Nel settembre dello stesso anno, il suo corpo privo di vita viene ritrovato nell’appartamento londinese di Lansdowne Crescent. La causa della morte, un cocktail letale di alcol e tranquillanti.

Nel marzo del 2010 è stato pubblicato Valleys of Neptune, disco inedito e postumo di Jimi Hendrix, e l’anno successivo la rivista Rolling Stone l’ha inserito al primo posto nella classifica dei migliori chitarristi di tutti i tempi.

[Foto: crosstowntorrents.org]

Loading...