Isabelle Huppert

Paese: Francia

Altezza: 163 cm

Peso: 54 kg

IMC: 20.32 - Peso ideale 

Età: 64 anni

Segno: Pesci Pesci

Isabelle Huppert è un’attrice francese nata a Parigi il 16 marzo del 1953.

Attrice di fama internazionale e con quindici candidature ai premi César, la Huppert inizia a recitare, dietro consiglio della madre, sin dalla tenera età di cinque anni. Prima di lavorare per il cinema, si dedica al teatro e in poco tempo diventa una delle migliori interpreti della sua generazione.

Nel 1971, a soli diciotto anni, debutta in I primi turbamenti, un film con cui si fa conoscere dal pubblico francese. Nello stesso periodo recita in E’ simpatico, ma gli romperei il muso (1971), una commedia che ottiene un meritato successo al botteghino.

In seguito la Huppert si dedica ancora al teatro e porta in scena spettacoli tratti dai celebri testi di Molière. Nel 1974 riprende la sua attività cinematografica: recita in Primavera Carnale (1974) e in Aloise (1976), film con cui ottiene la sua prima candidatura ai César.

Gli anni Settanta rappresentano per lei un momento prolifico dal punto di vista lavorativo, grazie al successo di film come La merlettaia (1978), con cui vince un David, e Violette Nozìere (1979). Due anni dopo è la protagonista di Loulou (1981), mentre insieme al compianto Philippe Noiret recita in Colpo di Spugna (1981), una deliziosa pellicola diretta da Bernard Tavernier.

Nel 1983 lavora per il regista Marco Ferreri in Storia di Piera, un film presentato anche a Cannes di cui la Huppert è una straordinaria protagonista. Ma per la definitiva consacrazione bisogna aspettare l’uscita di Un affare di Donne (1988), con cui ottiene la Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia.

Ed è in quel periodo che la sua carriera raggiunge il massimo della notorietà: recita in film come Madame Bovary (1991), per la regia del grandissimo Claude Chabrol, e Il buio nella mente (1995), con cui riceve il Premio César.

Isabelle Huppert è un’attrice di talento divenuta nel tempo una vera e propria musa per i registi europei.

Con La Pianista (2001) vince il Grand Prix al Festival di Cannes grazie alla sua interpretazione di Erika Kohut, un’insegnante di pianoforte ossessionata dalla madre. Negli anni Duemila realizza Il tempo dei lupi (2002) e Una diga sul Pacifico (2008) e, l’anno seguente, durante gli European Film Awards, riceve un riconoscimento per il contributo che ha dato al cinema mondiale.

Nel 2012 si trasferisce in Italia ed entra nel cast di Bella addormentata, del regista Marco Bellocchio, mentre tre anni dopo è l’assoluta protagonista di Segreti di famiglia (2015). E’ tornata alla ribalta con Elle (2016), film di Paul Verhoeven, con cui ha ottenuto la sua prima nomination agli Oscar del 2017.

Un voto per la magnifica Isabelle Huppert? Dieci!

[Foto: hitfix.com]