Gianroberto Casaleggio

Paese: Italia

Altezza: 177 cm

Peso: 70 kg

IMC: 22.34 - Peso ideale 

Età: 61 anni

Segno: Leone Leone

Ci ha lasciati nel: 2016

Gianroberto Casaleggio è stato un politico e imprenditore nato a Milano, il 14 agosto del 1954, e morto a Maccagno il 16 aprile del 2016.

Quello di Casaleggio è un nome che ha ottenuto negli ultimi anni una grande visibilità per il suo ruolo di fondatore e “guru” del Movimento 5 Stelle, il noto partito politico promosso dal comico Beppe Grillo. Inizia giovanissimo a occuparsi d’informatica e viene assunto dalla Olivetti, con cui instaurerà un lungo rapporto lavorativo.

Nel 1974, all’età di venti anni, si sposa con Elisabeth Clare Birks e dalla loro relazione nascerà un figlio. Negli anni Novanta diventa amministratore delegato di Webegg e si occupa della promozione di questa azienda sulla rete. Casaleggio in seguito abbandona la Webegg e inizia a promuovere le sue idee politiche e sociali.

Nel 1998 pubblica un libro allegato a Il Sole 24 Ore intitolato Movie Bullets – Cinema e management. Tre anni dopo realizza una delle sue opere più famose, Il web è morto, viva il web (2001) con cui inizia a far conoscere le sue idee innovative per quanto riguarda la gestione di Internet. Nel 2004 si presenta come candidato della Lista Civica presso il comune di Settimo Vittone, ma ottiene soltanto tre voti.

Nello stesso periodo fonda la Casaleggio Associati e, l’anno seguente, inizia a occuparsi del Blog di Beppe Grillo. Il suo nome viene accostato spesso a quello del comico genovese per essere l’ideatore e ispiratore del Movimento 5 Stelle. Nel 2006 la sua società è la prima in Italia a promuovere il settore dell’e-commerce.

Casaleggio nel 2007 gestisce il blog di Antonio Di Pietro e diventa, senza percepire nessun compenso, consigliere per il Ministro delle Infrastrutture. L’anno seguente è il promoter del V-Day, manifestazione politica presentata da Beppe Grillo, che ottiene un’enorme risonanza mediatica.

Gianroberto Casaleggio è stato un imprenditore che ha voluto dedicare l’ultima parte della sua vita alla politica, con l’obiettivo di cambiare la classe dirigente nel nostro Paese.

Nel 2013 scrive un altro libro di grande successo insieme al premio Nobel Dario Fo: Il Grillo canta sempre al tramonto – Dialogo sull’Italia e sul Movimento 5 Stelle. Quest’opera consente al partito di Beppe Grillo di ottenere, alle elezioni parlamentari del febbraio del 2013, oltre sette milioni di voti.

Nel 2015 cominciano a diffondersi le voci sulle problematiche condizioni di salute. Dopo un intervento alla testa, dimezza i suoi interventi pubblici e, nel mese di aprile del 2016, dopo una lunga malattia, Casaleggio muore lasciando intatto il suo messaggio visionario per le nuove generazioni.