Cécile Kyenge

Paese: Rep. del Congo

Altezza: 164 cm

Peso: 75 kg

IMC: 27.89 - Sovrappeso 

Età: 53 anni

Segno: Vergine Vergine

Cécile Kyenge è una politica italiana di origine congolese, nata a Kambove il 28 agosto del 1964.

Cresciuta in una ricca famiglia dell’etnia bakunda, suo padre è un noto capo villaggio che per molti anni ha ricoperto anche cariche istituzionali tra cui quella di funzionario statale. Dopo le scuole obbligatorie, la Kyenge decide di dedicarsi allo studio della medicina interessandosi anche alla chirurgia. Nel 1983, a soli diciannove anni, ottiene una borsa di studio che le consente di partire per Roma e studiare in Italia.

Per alcuni mesi si trasferisce nella città di Modena e ottiene l’ospitalità in un collegio di suore. Nel tempo libero, e per pagarsi gli studi, la Kyenge lavora come badante e comincia a imparare la lingua italiana. All’Università di Reggio Emilia ottiene una specializzazione in oculistica mentre nella capitale si laurea in medicina.

Dopo aver ottenuto la cittadinanza italiana nella seconda metà degli anni novanta, e grazie alle nozze con un cittadino di origine calabrese, la Kyenge comincia a interessarsi a varie iniziative sociali incentrate sull’integrazione fra popoli e culture diverse.

Nel 2002 fonda la Dawa, un’associazione culturale di grande prestigio che vede la cooperazione tra l’Africa e l’Italia. E’ in questo periodo che s’interessa maggiormente su tutti quegli aspetti legati alla sua terra natia, la Repubblica del Congo, cercando di coinvolgere anche la politica italiana.

Due anni dopo riesce a farsi eleggere nella circoscrizione di Modena candidandosi nella lista del partito dei Democratici di Sinistra. E’ l’inizio ufficiale della sua carriera politica, un impegno che diventa per lei sempre più importante nonostante le critiche di una certa frangia estremista nei suoi riguardi.

Nel 2009 diventa consigliere municipale del Partito Democratico (PD) nella città di Modena, ed entra in una commissione creata per regolamentare le politiche sull’immigrazione. L’anno seguente, nel settembre del 2010, comincia a promuovere i diritti dei migranti, un’iniziativa che le viene fortemente contestata dalla Lega Nord, partito con cui la Kyenge nel corso degli anni disputerà aspre battaglie anche in televisione.

Cécile Kyenge è una politica italiana che nel 2013 è diventata Ministro per l’Integrazione del governo Letta. Oltre ad essere il primo politico italiano di colore ad assumere una carica di questo tipo, la Kyenge è stata oggetto di diffamazione da parte di Roberto Calderoli, esponente della Lega Nord, che l’ha paragonata a un orango.

Nel febbraio del 2014 ottiene un altro importante riconoscimento: viene eletta come deputato europeo per il Partito Democratico e continua la sua battaglia in favore dei diritti delle minoranze etniche.

Un voto per la Kyenge? Dieci!

Guarda tutte le altre schede nello Speciale Politici di Altezza & Peso.

[Immagine: woonko.com]