Diana Spencer

Paese: Regno Unito

Altezza: 178 cm

Peso: 60 kg

IMC: 18.94 - Peso ideale 

Età: 36 anni

Segno: Cancro Cancro

Ci ha lasciati nel: 1997

Diana Spencer, meglio conosciuta come Lady D, è nata a Sandringham il 1° luglio del 1961 ed è morta a Parigi il 31 agosto del 1997.

Diana è stata la Principessa del Galles e la prima moglie di Carlo d’Inghilterra, un personaggio controverso e sempre al centro dei tabloid a causa della sua tormentata vita sentimentale, ma anche una donna che si è dedicata alla beneficenza, che è divenuta un’icona a livello mondiale.

La famiglia Spencer può vantare importanti origini nobiliari ma, a soli sette anni, Diana deve affrontare la separazione dei suoi genitori. Nel 1975, dopo la morte di suo nonno, ottiene il titolo di “Lady” e durante la sua adolescenza si appassiona alla musica e alla danza, pur dimostrando un carattere incline alla timidezza.

Due anni dopo, nel 1977, frequenta soltanto per tre mesi il celebre “Institut Alpin Videmanette”, una scuola dove viene insegnato il Bon Ton. Il suo sogno in quel periodo è di dedicarsi alla carriera di danzatrice classica, ma deve rinunciarvi a causa della sua altezza.

Nel 1978 si trasferisce nella città di Londra insieme a un gruppo di amiche con cui condividerà un appartamento nell’Earls Court. In quel periodo inizia a insegnare danza presso l’Accademia di Madame Vacani occupandosi dei bambini più piccoli. Dopo un incidente con gli sci, Diana deve rinunciare anche al suo impiego come insegnante e, in seguito, collabora come assistente in un istituto nello Your England.

Nel 1980 inizia a frequentare il Principe Carlo: i due si erano conosciuti qualche anno prima e, nel febbraio del 1981, annunciano a Buckingham Palace il loro fidanzamento ufficiale. Nel luglio dello stesso anno Diana e Carlo si sposano e, da quel momento, la giovane Principessa diventa uno dei personaggi reali più amati dell’intera Gran Bretagna.

Dalla sua relazione con Carlo, Diana mette al mondo due bambini, William e Harry, e inizia i suoi viaggi in giro per il mondo. Nel 1985 arriva in Italia e visita il Teatro della Scala a Milano.

Diana Spencer è stata anche una donna fragile che ha vissuto la sua vita alla ricerca della tranquillità interiore e cercando di aiutare i più deboli. Sono tantissimi gli enti di cui si è occupata, le raccolte di fondi per l’Aids e altre malattie, così come è nota la sua lotta contro la costruzione delle mine antiuomo.

Negli anni Novanta la separazione da suo marito Carlo, che in quel periodo ha iniziato a frequentare Camilla Parker, diventa un evento mediatico: l’immagine di Diana, una donna tradita e sola, compare sulle pagine di tutti i giornali. Nello stesso tempo iniziano anche i pettegolezzi sulla sua vita privata e sui suoi amori.

Nel 1995 Diana ammette, durante un’intervista a Martin Bashir, di aver amato James Hewitt, un istruttore di equitazione che aveva conosciuto quando era sposata con Carlo. L’opinione pubblica si scaglia nei confronti di quella che viene soprannominata la “Principessa Triste”.

Due anni dopo, nel mese di agosto del 1997, Diana e il suo fidanzato, Dodi Al-Fayed, muoiono in un incidente stradale: a ricordarla ci sono i suoi figli, le persone che l’hanno amata e che ancora hanno per lei un pensiero affettuoso, e il cantante Elton John che le ha dedicato il malinconico brano “Candle in the Wind” durante il suo funerale.

[Foto: en.wikipedia.org]