Barret Spencer Oliver

Paese: Stati Uniti

Altezza: 175 cm

Peso: 77 kg

IMC: 25.14 - Sovrappeso 

Età: 44 anni

Segno: Vergine Vergine

Barret Spencer Oliver è un attore americano nato a Los Angeles il 24 agosto del 1973.

Barret ha raggiunto il successo interpretando il ruolo di Bastian nel film La Storia Infinita, pellicola fantasy tra le più celebri nella storia del cinema, prima di abbandonare la carriera di attore per dedicarsi soltanto alla fotografia.

Negli anni 80 recita in due episodi del noto telefilm Supercar e in uno di Autostop per il cielo. Due anni dopo torna a recitare per il cinema e partecipa alle riprese di C’è… un fantasma tra noi due (1984), pellicola con protagonista un bravissimo James Cann.

Con La Storia Infinita (1984) Barret veste i ruoli di Bastian, il piccolo lettore che sogna di vivere strepitose avventure nel regno di Fantasia identificandosi con il personaggio di Atreyu, interpretato da Noah Hathaway. Il successo di questo film fantasy supera le aspettative e gli apre le porte verso una brillante carriera d’attore.

Barret lavora in altri due progetti cinematografici dedicati al mondo dei ragazzi: Frankenweenie (1984), cortometraggio diretto dal mitico Tim Burton, e Invito all’inferno (1984) una pellicola di genere horror in cui interpreta Robert Winslow, il figlio dei coniugi protagonisti del film.

barret oliver2

L’anno seguente è la volta di D.A.R.Y.L (1985) una pellicola di fantascienza in cui recita nei panni di un bambino che in realtà è un Cyborg dotato di incredibili facoltà. Con il film Cocoon – L’energia dell’Universo (1985) ottiene di nuovo un grande successo: diretto da Ron Howard, questo film ha avuto anche un sequel intitolato Cocoon – Il ritorno (1988).

Barret Spencer Oliver ha lasciato il cinema per dedicarsi soltanto all’arte della fotografia. Ha iniziato a insegnare questa materia nell’Università di Los Angeles, città in cui ha esposto anche i suoi primi lavori.

Nel 1987 partecipa alle riprese del film televisivo The secret garden, una pellicola tratta dal famoso romanzo per adolescenti scritto da Frances Hodgson Burnett, e l’anno seguente realizza un episodio della serie televisiva Hooperman.

Nel 1989 recita nell’ultimo film della sua carriera: Scene di lotta di classe a Beverly Hills, commedia che ottiene un discreto successo. Barret abbandona definitivamente Hollywood per presentare nei musei e nelle gallerie delle maggiori città statunitensi i suoi lavori fotografici.

Nel 2015 sono stati diffusi su alcuni siti Internet i dati sul suo patrimonio che, oltre ad aver superato i dieci milioni di dollari, comprenderebbe yacht, hotel e aerei privati.

Un voto per il bravissimo Barret Spencer Oliver non può essere che un nove!